Come creare un’esperienza di workplace davvero straordinaria seguendo i consigli di cinque esperti del settore

I lavoratori vogliono di più. I dipendenti di oggi prendono in considerazione vari aspetti, non solo quelli economici, e apprezzano strumenti digitali intuitivi e una cultura aziendale dinamica.

ARTICOLO | Lettura di 4 minuti
29 giugno 2020

La pandemia ha stravolto il significato di essere “al lavoro” e le organizzazioni giocano un ruolo fondamentale nello sviluppo di un’esperienza di lavoro straordinaria.

Pertanto, da dove bisogna iniziare?

Abbiamo parlato con cinque leader del settore per apprendere suggerimenti e insight preziosi. In collaborazione con Quartz abbiamo anche portato alla luce dati che fanno riflettere e che, in un momento in cui si sta ripensando l’idea stessa di luogo di lavoro centralizzato, possono aiutare a illuminare un percorso per superare questo periodo di incertezze.
 

La produttività non ha nulla a che fare con lo stare al lavoro

Jason Fried, CEO, Basecamp

Basecamp offre ai dipendenti un numero illimitato di giorni di lavoro da casa, un limite di 40 ore lavorative settimanali, una settimana lavorativa estiva di quattro giorni e un mese sabbatico ogni tre anni. Folle o follemente efficace? Circa il 60% dei dipendenti di Basecamp fa parte dell’azienda da almeno quattro anni. Cosa accade quando si concede ai dipendenti più tempo e spazio mentale lontano dal lavoro?

NON ORGANIZZIAMO CENE AZIENDALI E NON VOGLIAMO UN CAMPUS FASTOSO. QUESTE COSE SONO CREATE PER TENERTI AL LAVORO... MENTRE UN VERO BENEFIT TI CONSENTE DI STARE LONTANO DAL LAVORO.

Jason Fried
CEO
Basecamp

1,2
Numero di ore di lavoro produttivo ininterrotto

Il più grande nemico della creatività? La distrazione.

Dottoressa Tara Swart, neuroscienziata e docente presso l’MIT Sloan School of Management

Tutti i leader aziendali desiderano una forza lavoro creativa e coinvolta. Una ricerca dimostra che le aziende più creative tendono anche ad avere un maggiore successo finanziario. Appare chiaro che la consapevolezza, la pratica di vincere la distrazione, può essere la chiave per dare spazio alla creatività.

  • “Il cervello segue percorsi diversi per il pensiero logico, il brainstorming creativo e l’intelligenza emotiva. Quando si fa un tipo specifico di ragionamento, il cervello veicola il sangue in quella direzione. Ma non appena ci si distrae, il flusso sanguigno si disperde”. - Dottoressa Tara Swart
  • Consentite ai dipendenti di lavorare in remoto. “Utilizzando sensori biometrici, ho fatto ricerche sui livelli di stress di un’organizzazione. È stato sorprendente come tutti fossero molto meno stressati e distratti quando lavoravano da casa per un giorno”, afferma la dottoressa Swart.
  • “Uno studio condotto nel 2010 dai Marines statunitensi ha dimostrato che coloro che facevano 12 minuti di meditazione consapevole al giorno avevano una maggiore resilienza mentale sul campo di battaglia rispetto a coloro che facevano meno di 12 minuti o non la facevano affatto”, afferma la dottoressa Swart.

L’approccio “top-down” non sempre funziona con una forza lavoro remota.

Alex Le, VP of Product and Community, Reddit

Il luogo di lavoro è stato virtualizzato. L’area dedicata alla pausa ora è una chat room. Con una forza lavoro ampiamente distribuita e digitale, come dovrebbero fare i leader ad adottare iniziative “top-down”?

Suggerimenti:

  • Limitare eventuali rischi impostando un beta test.
  • Trovare esperti all’interno, quindi comunicare e collaborare con loro.
  • Esaminare il feedback degli utenti e basare lo sviluppo su tale feedback.

SE LA VOSTRA AZIENDA DISPONE DI UN ESPERTO INTERNO DESIDEROSO DI SVILUPPARE LA CULTURA AZIENDALE E CHE HA LA POSSIBILITÀ DI ESSERE IL VOLTO DI TALE CAMBIAMENTO, DI TRASMETTERE IL MESSAGGIO E DI TROVARE UN MODO PER REALIZZARLO, ALLORA È MOLTO PIÙ PROBABILE CHE L’AZIENDA ABBIA SUCCESSO

Alex Le
VP of Product and Community
Reddit

L’open space dovrebbe essere facoltativo.

Benjamin Pardo, Design Director, Knoll

Negli anni ’90, sperando che una disposizione aperta e non strutturata dell’ufficio potesse stimolare lo scambio di idee e la collaborazione, alcune aziende della Silicon Valley hanno introdotto il concetto di open space. Questa concezione non sempre ha raggiunto i risultati sperati. L’esperienza che ne è derivata serve da monito ed è particolarmente importante nel contesto attuale in cui le organizzazioni considerano come, o anche se, tornare in ufficio.

  • Nel 2013, il Journal of Environmental Psychology ha pubblicato diversi studi sugli open office. Gli autori hanno scoperto che l’open space non funziona perché la privacy e la produttività ne risentono.
  • Il dipendente di oggi potrebbe essere distratto ogni tre minuti e impiegherà in media 23 minuti per riprendere la propria attività.

IN QUALSIASI TIPO DI DISPOSIZIONE STATICA, CI SONO DEI COMPROMESSI RELATIVI ALLA PRIVACY. TROPPA. TROPPO POCA. L’UFFICIO DOVREBBE ESSERE UN INSIEME DI VARI AMBIENTI IN GRADO DI RAPPRESENTARE L’OPTIMUM PER OGNI DIPENDENTE, COSÌ DA MASSIMIZZARE LA CAPACITÀ DI SVOLGERE IL PROPRIO LAVORO.

Benjamin Pardo
Design Director
Knoll

Il perfezionamento professionale è il vostro prossimo grande investimento.

Aaron Ignan, Founder, The Ready

Tralasciando altri aspetti, gli ultimi 140 anni di innovazione hanno dimostrato che la tecnologia ha contribuito a creare di gran lunga più posti di lavoro di quanti ne ha distrutti. Pertanto, la forza lavoro dovrebbe evolversi seguendo il progresso della tecnologia. Ecco perché i datori di lavoro che attualmente investono nel perfezionamento professionale dei propri lavoratori saranno sempre all’avanguardia.

  • “I ricercatori hanno concluso che le competenze che esulano dalle attività di routine, vale a dire tutto ciò che non riguarda liste di controllo e regole prestabilite, hanno una probabilità molto inferiore di essere automatizzate negli anni a venire. I droni possono innaffiare i vigneti, ma non possono gestire un’azienda vinicola”. - Aaron Ignan
  • Microsoft ha collaborato con General Assembly per formare 15.000 lavoratori in settori in crescita come il machine learning e la scienza dei dati. Amazon sta spendendo 700 milioni di dollari per riqualificare la propria forza lavoro statunitense. Presso Google, dove si collocano le competenze STEM (scienza, tecnologia, ingegneria e matematica) nell’elenco delle competenze più utili? All’ottavo posto. Le primi sette erano in realtà competenze trasversali.
  • “I sistemi si basano sulla coordinazione sociale. Si basano sulle relazioni. Se non siete capaci di gestire le relazioni, non sarete all’altezza del futuro del lavoro”. - Aaron Ignan
  • Competenze trasversali da promuovere:
    • Adattabilità
    • Capacità di comunicazione
    • Gestione dello stress
    • Ottimismo
    • Pensiero creativo
    • Spirito di iniziativa

NEWSLETTER

Scoprite le ricerche, gli approfondimenti e le storie più recenti su Fieldwork by Citrix.