Sostituite le VPN tradizionali con un approccio Zero Trust

Soddisfate le necessità della vostra forza lavoro remota con un’alternativa alla VPN

Fino a poco tempo fa, la sicurezza della rete era ancora relativamente semplice: bastava creare un perimetro sicuro attorno alle risorse e proteggere ciò che c’era dentro. Poi le applicazioni sono passate al cloud, il lavoro remoto è diventato una necessità e i dipendenti hanno iniziato a utilizzare i dispositivi personali per il lavoro. La superficie esposta agli attacchi è cresciuta, e anche molto. Oggi gran parte delle aziende stanno cercando di adottare una strategia di sicurezza Zero Trust sostituendo le VPN tradizionali. In un contesto in cui è possibile accedere alle risorse da dispositivi BYO, gestiti e non gestiti, le soluzioni VPN tradizionali non sono più efficaci. Per proteggere i dati aziendali è necessario trovare un modo migliore che risponda alle attuali complessità dell’ambiente lavorativo moderno. È qui che entra in gioco un’alternativa affidabile alla VPN.

Riducete la vostra superficie di attacco

La necessità di un accesso Zero Trust alla rete aumenta di pari passo con la crescita del lavoro da remoto. Tre dipendenti su 10 continueranno a lavorare da casa anche in periodi di maggiore stabilità1, e avranno bisogno di un accesso sicuro alle risorse (compreso il SaaS e le applicazioni basate sul web) da nuove posizioni e dispositivi diversi. In un contesto dominato da queste complessità moderne, le aziende che non riescono a sostituire rapidamente le VPN tradizionali dovranno fare fronte ad alcuni gravi rischi per la sicurezza. Queste soluzioni obsolete, infatti, semplificano eccessivamente l’autenticazione e si fidano ciecamente degli utenti una volta concesso l’accesso alla rete, mettendo costantemente a repentaglio la vulnerabilità dei datacenter aziendali e delle reti sottostanti. Fortunatamente, esiste un’alternativa rapida e flessibile. Citrix Access Control distribuisce in modo sicuro applicazioni e dati agli utenti e fornisce l’accesso a livello di applicazione. Ovunque, su qualsiasi dispositivo, senza bisogno di una soluzione VPN.

Preparatevi a tutto

Le preoccupazioni non sono unicamente legate ai rischi quotidiani. È ormai noto che gli attacchi contro le grandi aziende si moltiplicano fino a quattro volte durante gli eventi avversi2, poiché gli hacker cercano di sfruttare l’ansia indotta da imprevisti come le pandemie e le interruzioni nella fornitura di corrente. Ecco perché è necessario adottare un piano di business continuity che definisca il telelavoro come condizione normale, e non come un’eccezione. A differenza delle VPN tradizionali, che devono essere configurate e distribuite individualmente in tutte le posizioni, Citrix Access Control è un servizio cloud completamente gestito e disponibile a livello globale che si ridimensiona automaticamente per adattarsi a qualsiasi aumento dei requisiti di telelavoro, al verificarsi di tale condizione.

Migliorate l’esperienza utente

Per quanto concerne l’esperienza dei dipendenti, le VPN tradizionali non sono una soluzione soddisfacente. Nello specifico, non sono in grado di ottimizzare le applicazioni o di supportare dispositivi diversi; tanto meno possono contribuire alla creazione di un ambiente che stimoli la produttività. E poiché indirizzano il traffico aziendale e personale attraverso l’IT aziendale, le VPN possono anche violare la privacy dei dipendenti. Un’opzione migliore è un’alternativa alla VPN che fornisca un accesso single sign-on (SSO) ottimizzato, per un’esperienza impeccabile su ogni sistema operativo. Essendo il workspace digitale basato su cloud più semplice e sicuro attualmente disponibile, Citrix Workspace offre un’esperienza di livello superiore ai dipendenti senza esporre l’organizzazione a rischi inutili o creare problemi di privacy.

Ottenete maggiori informazioni

INFOGRAFICA

5 motivi per abbandonare la VPN

Ottenete l’infografica

WHITE PAPER

Perché una soluzione VPN tradizionale non è adatta alla forza lavoro remota di oggi

Leggete il white paper

WHITE PAPER

Citrix Workspace: un’alternativa migliore a Zscaler Private Access

Leggete il white paper