Scardinare il preconcetto di luogo di lavoro

DICTU e Citrix creano ambienti flessibili, personali e produttivi.

Verso nuovi modi di pensare

I dipartimenti della Pubblica Amministrazione possono facilmente trincerarsi dietro ai processi e alle pratiche tradizionali, ma nei Paesi Bassi un nuovo modo di pensare sfida i preconcetti di distribuzione di servizi IT e Citrix rappresenta il catalizzatore del cambiamento.

Basandosi sul concetto di “ovunque, dappertutto e in qualsiasi momento”, un nuovo modo di operare viene promosso dal ministero olandese degli affari economici e della politica climatica (DICTU), che fa parte del governo olandese e ha sede a L’Aia. Questa nuova metodologia viene impiegata principalmente all’interno del reparto IT del Ministero degli affari economici, che ha 14.000 dipendenti e svolge mansioni anche per il Ministero dell’agricoltura e varie organizzazioni come l’Autorità olandese per la sicurezza dei prodotti alimentari e di consumo e l’Agenzia per le telecomunicazioni.

Koen Van Maaren, Domain Architect presso DICTU, spiega: “Siamo troppo concentrati sul workspace e sul dispositivo, mentre abbiamo bisogno di un cambio di prospettiva, di osservare da un punto di vista dei dati e del carico di lavoro e non dal punto di vista classico del sistema operativo del computer. Dobbiamo scindere le applicazioni dal sistema operativo e scindere il sistema operativo dal dispositivo, in modo che tutto sia autonomo e flessibile. È preferibile che la distribuzione sia come un’applicazione web, che richiede solo un dispositivo e un browser per utilizzare l’applicazione in modo sicuro”.

Stretta integrazione con Microsoft

A seguito di una collaborazione decennale con Citrix, quando due anni fa il contratto di outsourcing per la soluzione legacy per il workspace stava terminando, DICTU ha dato il via al cambiamento. L’ente aveva bisogno di una nuova soluzione in grado di cambiare la percezione tradizionale che il workplace debba coincidere con lo spazio fisico in cui viene svolto il lavoro. Desiderava creare un “workspace cloud” e Citrix aveva gli strumenti per impostare ogni aspetto e renderlo trasparente, in modo che fosse conforme alle leggi e ai regolamenti che era necessario rispettare.

Il nuovo ambiente di DICTU è basato sulla piattaforma Citrix Workspace, che incorpora Citrix Virtual Apps and Desktops e la gestione dei suoi dispositivi mobile, ed è distribuito dal Workspace sul cloud. Il passaggio al cloud è percepito come un importante elemento di differenziazione, soprattutto perché molti grandi fornitori offrono una quantità sempre maggiore di proposte esclusivamente per il cloud.

L’implementazione ha richiesto otto mesi ed è stata graduale, raggiungendo un ritmo di 1.500 utenti migrati durante ogni fine settimana, fino alla situazione attuale con 14.000 utenti all’attivo. Citrix ha offerto il suo supporto, così come anche Microsoft che ha fornito il sistema di gestione Azure e Microsoft Office 365, con servizi di back-office come Microsoft Exchange e SharePoint. È in programma anche l’integrazione di Microsoft Teams. Sono stati organizzati corsi e workshop per promuovere l’accettazione da parte degli utenti.

“Desideravamo consentire alle persone di lavorare da casa, in treno e ovunque, tramite un’unica interfaccia utente e con un’esperienza utente unificata su tutte le piattaforme. Citrix ci consente di creare un’esperienza utente di fatto equivalente, ovunque”, spiega Van Maaren. “Per un progetto di tali dimensioni, è importante collaborare con un partner che possa offrire tutto il necessario, sia ora che in futuro. Citrix è il partner giusto per DICTU perché le nostre due prospettive sono compatibili. Abbiamo scelto Citrix Workspace per via del concetto di applicazioni in hosting e perché offre agli utenti un ambiente di lavoro basato su browser, senza la necessità di fornire un workspace completo con un sistema operativo”.

La parola d’ordine del progetto era “flessibilità”, unita al bisogno di soddisfare da un lato le esigenze di utenti diversi e di una varietà di mansioni lavorative e di requisiti prestazionali, dall’altro le imprescindibili aspettative di molti dipendenti che desideravano solo tale flessibilità.

Una gestione più snella e un onboarding più rapido

“Adesso, dal punto di vista della gestione, possiamo svolgere ogni cosa più rapidamente. Il processo per pubblicare un’applicazione e distribuirla ai nostri utenti è molto più semplice. Inoltre, la distribuzione di nuovi workspace per i nuovi clienti è più rapida e molto più semplice, poiché disponiamo di vari modelli e impostazioni predefinite che possiamo distribuire ai nostri clienti”.

Relativamente alla sicurezza, Citrix consente al ministero di mantenere tutti i propri dati entro i confini del datacenter in quanto è basato su server; inoltre, l’organizzazione ha in programma l’implementazione di una suite di sicurezza per proteggere ulteriormente i dati. Azure Information Protection è allo studio.

Sebbene non fosse possibile prevederlo, l’implementazione di Citrix ha aiutato il ministero a fare fronte alla pandemia di COVID-19, come spiega Van Maaren: “Ritengo che abbiamo adottato il Workspace sul cloud appena in tempo, in quanto ha consentito a tutti gli utenti del ministero di lavorare da casa senza vere difficoltà”.

Attualmente, oltre il 90% della forza lavoro opera da casa, e sebbene gli uffici dispongano ancora di oltre 6.000 thin client, Van Maaren crede che anche quando la pandemia di COVID-19 sarà sotto controllo, il ministero continuerà a supportare il lavoro da casa. Ritiene anche improbabile che si torni a un livello elevato di lavoro basato in ufficio.

In futuro, DICTU passerà da un workspace ottimizzato per i dipendenti a un workspace in grado di ottimizzarsi autonomamente in base a chi è il dipendente, al lavoro svolto e al luogo. Ciò renderà più piacevole il lavoro presso l’ente DICTU e consentirà a questo servizio governativo di funzionare in modo ancora più produttivo.

“Negli ultimi due anni, l’offerta di Citrix è diventata molto più ampia rispetto alla semplice virtualizzazione di applicazioni e desktop. Grazie ad applicazioni come Citrix ADC (precedentemente NetScaler), il modo per fornire applicazioni agli utenti e ai clienti con Citrix è diventato molto più flessibile e personalizzabile”, conclude Van Maaren.

Desideravamo consentire alle persone di lavorare da casa, in treno e ovunque, tramite un’unica interfaccia utente. Citrix ci consente di creare un’esperienza utente di fatto equivalente, ovunque.
Koen Van Maaren
Domain Architect
DICTU

Settore

Vantaggi principali

  • DICTU ha preso le distanze dal preconcetto di luogo di lavoro, in modo da offrire un ambiente di lavoro più flessibile
  • La gestione è più semplice e le operazioni come l’avvio di nuove applicazioni e l’onboarding di nuove persone sono molto più rapide
  • Le soluzioni Citrix hanno consentito al ministero olandese degli affari economici e della politica climatica di adattarsi rapidamente quando è stato colpito dalla pandemia di COVID-19

Prodotti Citrix