Crisi evitata per l’NHS Trust in sole 48 ore

Il Gloucestershire NHS Trust riduce al minimo l’impatto sui pazienti delle misure di lockdown da Covid-19, consentendo a 2.000 dipendenti di lavorare da casa in sole 48 ore grazie a Citrix.

Garantire la business continuity è essenziale durante la crisi e le misure di lockdown da Covid-19, a maggior ragione se l’attività in questione è l’assistenza sanitaria. Il Gloucestershire Hospitals NHS Foundation Trust opera nel Regno Unito, nella regione del Gloucestershire, tramite due strutture ospedaliere (il Cheltenham General e il Gloucestershire Royal) e il centro Stroud Maternity Unit.

Nel contesto di una precedente distribuzione IT malriuscita, il nuovo CDIO (Mark Hutchinson) e un team formato di recente incaricato della trasformazione digitale hanno selezionato Citrix Virtual Apps and Desktops per consentire l’accesso ovunque e con qualsiasi dispositivo ad Allscripts Sunrise, il sistema di cartelle cliniche elettroniche (EPR) della struttura sanitaria.

In collaborazione con il Citrix Gold Solution Advisor LIMA, il nuovo team ha iniziato a progettare e distribuire la nuova infrastruttura.

“Dal punto di vista digitale, in passato siamo stati uno dei peggiori poli ospedalieri per le nostre dimensioni nel Regno Unito”, afferma Mark Hutchinson, Executive Chief Digital Information Officer (CDIO). “Tutto quanto era cartaceo. I file potevano scomparire per giorni.”

Mark Howie della società LIMA concorda: “Abbiamo intrapreso un progetto per centralizzare la fornitura di servizi IT utilizzando Citrix per fornire un servizio always-on, ad alte prestazioni e ad elevata disponibilità. L’obiettivo era fornire l’applicazione per le EPR a qualsiasi dispositivo endpoint, a prescindere dal fatto che si trattasse di un laptop utilizzato dagli infermieri per l’assistenza al letto del paziente, di un PC in un reparto, del desktop di un amministratore o di un medico che lavora da casa. Un altro requisito fondamentale era la capacità di adattarsi rapidamente e in modo economicamente vantaggioso, progetto per progetto.”

Quest’ultimo requisito si è rivelato fortuito. Entro un paio di mesi dall’implementazione della soluzione Citrix, il Trust (e l’intero Paese) si è trovato ad affrontare il lockdown da Covid-19.

“Il primo problema ha riguardato lo spostamento dei servizi”, spiega Hutchinson. “Abbiamo dovuto spostare le cliniche per i pazienti dalla sede principale dell’ospedale e trasferire rapidamente il maggior numero di servizi possibile a una fornitura in remoto. Abbiamo anche dovuto trasferire il maggior numero possibile di componenti del personale non in prima linea. Coloro che potevano lavorare da casa avrebbero dovuto farlo. Ma questo era più facile a dirsi che ha farsi.”

Molti ospedali nella stessa situazione si sono precipitati ad acquistare centinaia di laptop per supportare i loro team remoti. Il Trust ha intrapreso un percorso diverso. “Non volevamo limitarci ad acquistare centinaia di costosi laptop che avremmo dovuto configurare, distribuire al personale che ne aveva più bisogno e poi affrontare la sfida di gestirli e recuperarli tutti”, afferma Hutchinson. “Ma sapevamo anche che i singoli PC nelle case delle persone possono essere difficili da proteggere e gestire, due aspetti fondamentali quando si lavora con le informazioni riservate dei pazienti.”

Il team ha deciso di affidarsi a Citrix, accelerando notevolmente il suo piano di lungo termine di fornire un desktop virtuale completo con applicazioni cliniche a tutti gli utenti. “Abbiamo detto al personale ospedaliero: se avete un dispositivo a casa, forniremo la VDI in modo che possiate accedere facilmente a tutti i sistemi del Trust” ricorda Hutchinson.

“Citrix è stata rivoluzionaria per il nostro personale sanitario.”

Il team IT del Trust ha lavorato rapidamente per rendere disponibili tutte le applicazioni necessarie su Citrix.

“Citrix ci ha dato la possibilità di consentire a 2.000 dipendenti di lavorare da casa entro le prime 48 ore, semplicemente azionando un interruttore”, afferma Hutchinson. “Per qualsiasi organizzazione, ma soprattutto per un ospedale, è una possibilità estremamente potente.”

Tutti i servizi di supporto e amministrazione dei pazienti del Trust sono ora in grado di operare da casa tramite un desktop virtuale distribuito in modo sicuro ai dispositivi personali. E i vantaggi vengono percepiti non solo dal personale amministrativo.

“Abbiamo personale sanitario senior che lavora da casa, in autoisolamento, e che può continuare a lavorare online, accedendo in modo sicuro alle cartelle dei propri pazienti per monitorare i progressi. Possono eseguire visite virtuali in reparto e controllare i risultati dei test. Prima d’ora, alcuni di loro non sapevano nemmeno che questo fosse possibile. Per tutti quanti è stato rivoluzionario.”

Il feedback di tutto il Trust è stato estremamente positivo, con commenti come: “Il sistema funziona splendidamente” e “questo IT dell’NHS è molto diverso da quello a cui ho assistito negli ultimi 16 anni”.

Migliorare l’assistenza ai pazienti e il decorso clinico, ora e in futuro

La situazione ha un ulteriore lato positivo.

“Il cambiamento della cultura aziendale è stato enorme”, afferma Hutchinson. “Citrix ha aiutato ad aumentare la fiducia del personale sanitario nell’IT.” Ha anche consentito e promosso nuovi modi di lavorare. Gli ospedali hanno introdotto il passaggio di consegna virtuale nei reparti e il Trust sta implementando la tecnologia grafica NVIDIA GRID per consentire ai radiologi di visualizzare immagini di scansione ad alta risoluzione e di effettuare diagnosi in remoto.

Come afferma Deborah Lee, CEO del Trust, “In pochi giorni abbiamo realizzato un progetto di Citrix VDI che avrebbe richiesto 9 mesi, per consentire ai nostri team di fornire assistenza ai pazienti e servizi essenziali da remoto.”

Guardando al futuro, il Trust prevede di distribuire desktop attivabili con carta d’identità, tap-and-go e follow-me per le sue strutture di pronto soccorso.

“Citrix ci ha consentito di rispondere con estrema rapidità alla sfida senza precedenti legata al Covid-19 e di continuare a lavorare come di consueto, per quanto nelle nostre possibilità, senza alcun impatto sui pazienti o sui servizi”, conclude Hutchinson. “Senza timore di smentita possiamo affermare che Citrix ha fatto la differenza.”

Citrix ci ha consentito di rispondere con estrema rapidità alla sfida senza precedenti legata al Covid-19 e di continuare a lavorare come di consueto, per quanto nelle nostre possibilità, senza alcun impatto sui pazienti o sui servizi. Senza timore di smentita possiamo affermare che Citrix ha fatto la differenza.
Mark Hutchinson
Executive Chief Digital Information Officer (CDIO)
Gloucestershire NHS Hospitals Trust

Settore

Soluzione e vantaggi

  • Citrix Virtual Apps and Desktops consente a più di 2.000 dipendenti, dal personale medico agli amministratori, di lavorare in modo sicuro ed efficiente da casa sui dispositivi personali con un preavviso molto breve.

Prodotti Citrix